Gabriele Pieranunzi

Gabriele Pieranunzi

Violino

Già allievo di Stefan Gheorghiu, Gabriele Pieranunzi si è presto imposto all’attenzione del pubblico e della critica avendo ottenuto una lunga serie di premi in importanti competizioni internazionali (N. Paganini di Genova, T. Varga di Sion, L. Spohr di Friburgo, R. Romanini di Brescia, R. Lipizer di Gorizia, G.B. Viotti di Vercelli).
La sua attività lo ha portato ad esibirsi nei principali centri musicali in Italia e all’estero: Accademia di Santa Cecilia di Roma, Accademia Chigiana di Siena, Wigmore Hall di Londra, City of Birmingham Symphony Orchestra, Herculeesaal di Monaco di Baviera, Teatro Coliseum di Buenos Aires, Opera City Hall di Tokyo, Malmoe Symphony Orchestra, Bournemouth Symphony Orchestra, Franz Liszt Chamber Orchestra di Budapest, Filarmonica Enescu di Bucarest, collaborando con musicisti quali Jeffrey Tate, Gianandrea Noseda, Aldo Ceccato, M. Bamert, N. Cleobury, Alfons Kontarsky, Rainer Kussmaul, Nelson Goerner, Bruno Canino, Rocco Filippini.
Ha più volte suonato il “Guarneri del Gesù” appartenuto a Nicolò Paganini.
Nel 2004 gli è stato conferito per chiara fama il posto di Primo violino di spalla presso la Fondazione Teatro di San Carlo di Napoli.
Tra le sue pubblicazioni discografiche ricordiamo il Concerto op. 12 per violino e fiati di Kurt Weill con i Fiati del San Carlo e la direzione di Jeffrey Tate per l’etichetta Concerto Classics e l’integrale dei Quartetti per pianoforte ed archi di Mendelssohn per Decca.
Suona su un violino Joseph Ceruti del 1848, gentilmente prestatogli dalla Fondazione “Pro Canale” Onlus.
È stato ospite delle Settimane Musicali di Stresa nel 2000, 2001, 2003, 2009 e 2012.