EUYO, Noseda

EUYO, Noseda

Data e ora

Sabato 22 agosto, ore 20.00
Stresa, Palazzo dei Congressi

Vedi la mappa

Programma

G. Verdi, I masnadieri, ouverture
“Venerabile, o padre, è il tuo sembiante… Lo sguardo avea degli angeli”, aria da I masnadieri
Luisa Miller, ouverture
“Tu puniscimi, o Signore”, aria da Luisa Miller
“Egli non riede ancora… Non so’ le tetre immagini”, aria da Il corsaro
G. Mahler, Sinfonia n. 5

 

Leggi la presentazione del concerto

 

SFOGLIA IL PROGRAMMA DI SALA

Gallery

Guarda il video del concerto

Biglietti

Settore A € 40
Settore B € 25
Balconata € 15
Under 26 € 10

Assisti a tutti i concerti al Palazzo dei Congressi risparmiando il 20%!

Il biglietto è rimborsabile, entro 5 giorni, solo in caso di annullamento del concerto

Sede

palacongressi

Palazzo dei Congressi

Il Palazzo dei Congressi, sede storica del Festival, è situato nel centro di Stresa, a pochi passi dalla stazione ferroviaria e da tutti i maggiori alberghi e ristoranti.

Visualizza la piantina del Palazzo dei Congressi

Considerando la produzione compositiva di Verdi e Mahler saltano all’occhio due mancanze: in Verdi manca una sinfonia strumentale e in Mahler si soffre l’assenza di un’opera lirica. Eppure i due grandi compositori hanno dimostrato la loro capacità: il primo di comporre straordinari brani strumentali, seppure sempre inseriti nel contesto dell’opera con la sola eccezione del quartetto per archi, e il secondo grandi affreschi sinfonico corali con un’abilità particolare nel trattamento delle voci.
Non dobbiamo tra l’altro dimenticare che Mahler è stato un grandissimo direttore d’orchestra e che ha diretto opere di Verdi nel suo periodo di direttore musicale dell’Opera di Vienna. La scommessa di questo programma è quella di valorizzare l’elemento strumentale dell’opera verdiana con un’attenzione particolare al momento di passaggio dell’arte vocale dal belcanto al canto drammatico, legato cioè alla parola scenica; l’altro obiettivo è di sottolineare l’elemento di espressività vocale e di narrazione drammatica che anche in una sinfonia puramente strumentale come la Quinta, Mahler riesce a profondere a piene mani.

Gianandrea Noseda

Stresa

Clicca per vedere il video a schermo intero